Frasi Fabio Volo: le più belle selezionate dai suoi libri

Una delle selezioni più esaustive e complete delle più belle frasi di Fabio Volo. Citazioni tratte dei suoi libri più famosi con spunti personali. Con le sue frasi, Fabio Volo è sempre riuscito a muovere i cuori ed allo stesso tempo far discutere.
Ma chi è Fabio Volo? Oltre essere uno scrittore è conduttore, sceneggiatore e attore italiano. Con i suoi libri ha venduto milioni di copie in Italia e il successo è stato immediato: già il primo romanzo, “Esco a fare due passi”, ha venduto più di 300 mila copie, tra il 2001 e il 2015 è autore di numerosi romanzi che hanno scalato le classifiche italiane di vendita e sono stati anche tradotti: Esco a fare due passi, È una vita che ti aspetto, Un posto nel mondo, Il giorno in più, Il tempo che vorrei, Le prime luci del mattino, La strada verso casa, È tutta vita.

 

ULTIMI LIBRI DI FABIO VOLO

 

Il 22 ottobre 2019 uscirà la sua ultima opera, “Una gran voglia di vivere”,  già nei best seller di Amazon ancora prima di essere disponibile nelle librerie.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:
LE FRASI E CITAZIONI PIÙ BELLE “Una gran voglia di vivere”
Le frasi del libro QUANDO TUTTO INIZIA 2017

 

 

FRASI ORIGINALI E PREFERITE DI FABIO VOLO (in continuo aggiornamento ottobre ’19)

 

Ricordare cosa significa essere me.
È sempre quello il punto.

JOAN DIDION

Sinceramente il bello della mia professione è questo: riesco ad agganciare quelli che mi amano con quelli che non mi amano

 

Io piaccio perché rendo eroico il quotidiano

 

Tre giorni che piove… in questa parte del mondo l’estate è finita. Passeggiare sulla spiaggia è sempre una magia. Il cielo grigio consegna pensieri diversi… più malinconici. I miei preferiti!

 

Dostoevskij diceva che se si vuole conoscere veramente una persona non bisogna fare attenzione al modo in cui parla nemmeno se ha idee elevate. Bisogna piuttosto fare attenzione a come ride. Chissà se Dosto aveva ragione?

 

La pioggia aiuta la scrittura … Il cuore è gonfio di gratitudine!

 

 

FRASI ESCO A FARE DUE PASSI

 

Una persona è come cammina Io credo che chiunque non riesca a stare bene da solo non possa conoscere il vero amore; dubito sempre di chi dice: “non posso vivere senza di te”.

 

Ho pensato che, quando si incontra una persona, quell’incontro crea cose nuove. Dà vita a pensieri, riflessioni, sentimenti, azioni, che appartengono solo alle due persone che si sono incontrate. L’amore che circola tra loro deve essere sempre vissuto tutto, in ogni momento. Fino in fondo. Perché l’amore quando circola, quando viene vissuto è leggero e fa sentire leggeri.

 

In tutto questo delirio di vita, la musica è una certezza. Farsi una canna la sera e ascoltarsi un cd in cuffia è ancora una cosa che si può catalogare sotto la “i” di impagabile.

 

 

Se nella mia vita il sesso è stato soprattutto una grande scopata, l’amore è stato spesso una grande inculata, ma è bello per questo.

 

Ci sono persone che da quando le conosci non smetti mai di volergli bene.

 

Una donna che non sa fare il caffè per me può essere solo un’avventura.

 

Questa è la differenza tra il sesso e l’amore: il sesso svuota, l’amore riempie. Che è pressappoco come quella frase famosa che dice: L’amore va nel profondo, il sesso solo qualche centimetro.

 

Non ci si può fare niente, le persone che amano si finisce sempre per amarle. È una legge della natura.

 

Paura d’amare. Credo sia restare soli per paura di rimanere soli.

 

C’è chi cerca l’altra metà della mela, io sto cercando ancora la mia mezza. Sono uno spicchio di me stesso.

Ci sono due tipi di problemi nella vita. Quelli senza soluzione e quindi è inutile preoccuparsi e quelli che una soluzione ce l’hanno e quindi è inutile preoccuparsi.

 

Molti credono che la fantasia serva solo per sfuggire alla realtà, mentre quasi sempre serve per capirla e interpretarla meglio.

 

Innamorarsi è una droga, amare è una medicina.

 

Quanto dolore c’è nella vita, è vero, ma quanta vita c’è nel dolore?

 

Ogni giorno della vita è unico, ma abbiamo bisogno che accada qualcosa che ci tocchi per ricordarcelo.

 

Si ha voglia dell’amore, anche se spesso ci accorgiamo di non avere delle buone carte, ma si ha voglia ugualmente di giocare, di rilanciare, per desiderio di un brivido maggiore, per il fascino del rischio, o anche semplicemente per l’idea di avere una gabbia da cui poter scappare.

 

 

FRASI È UNA VITA CHE TI ASPETTO

 

Le donne sono come i fiori: se cerchi di aprirli con la forza, i petali ti restano in mano e il fiore muore. Perché solamente con il calore si schiudono. E l’amore e la tenerezza insieme sono il sole per una donna. Avrei dovuto semplicemente amarla. Poi sarebbe stato tutto naturale. Perché una donna, quando si sente amata, si apre e dà tutto il suo mondo.

 

Ho pensato che, quando si incontra una persona, quell’incontro crea cose nuove. Dà vita a pensieri, riflessioni, sentimenti, azioni, che appartengono solo alle due persone che si sono incontrate. L’amore che circola tra loro deve essere sempre vissuto tutto, in ogni momento. Fino in fondo. Perché l’amore quando circola, quando viene vissuto è leggero e fa sentire leggeri.

 

Lo schiavo non è chi ha la catena al piede, ma chi non riesce più a immaginare una vita in libertà.

 

Se vuoi essere felice, se vuoi essere libero, impara ad amare. Ad amare, e a lasciarti amare.

 

 

Amare con la testa non vuol dire essere razionali, ma vuol dire coltivare un’educazione al sentimento che non sarà mai distruttivo. Perché l’amore, quando è distruttivo non è amore.

 

Con te sarò nuovo. Ti dico queste parole nel periodo migliore della mia vita, nel periodo in cui sto bene, in cui ho capito tante cose. Nel periodo in cui mi sono finalmente ricongiunto con la mia gioia. In questo periodo la mia vita è piena, ho tante cose intorno a me che mi piacciono, che mi affascinano. Sto molto bene da solo, e la mia vita senza di te è meravigliosa. Lo so che detto così suona male, ma non fraintendermi, intendo dire che ti chiedo di stare con me non perché senza di te io sia infelice: sarei egoista, bisognoso e interessato alla mia sola felicità, e così tu saresti la mia salvezza. Io ti chiedo di stare con me perché la mia vita in questo momento è veramente meravigliosa, ma con te lo sarebbe ancora di più. Se senza di te vivessi una vita squallida, vuota, misera non avrebbe alcun valore rinunciarci per te. Che valore avresti se tu fossi l’alternativa al nulla, al vuoto, alla tristezza? Più una persona sta bene da sola, e più acquista valore la persona con cui decide di stare. Spero tu possa capire quello che cerco di dirti. Io sto bene da solo ma quando ti ho incontrato è come se in ogni parola che dico nella mia vita ci fosse una lettera del tuo nome, perché alla fine di ogni discorso compari sempre tu. Ho imparato ad amarmi. E visto che stando insieme a te ti donerò me stesso, cercherò di rendere il mio regalo più bello possibile ogni giorno. Mi costringerai ad essere attento. Degno dell’amore che provo per te. Da questo momento mi tolgo ogni armatura, ogni protezione… non sono solo innamorato di te, io ti amo. Per questo sono sicuro. Nell’amare ci può essere anche una fase di innamoramento, ma non sempre nell’innamoramento c’è vero amore. Io ti amo. Come non ho mai amato nessuno prima…

 

Quando guardo un tramonto e mi emoziono, non mi domando a che velocità gira la terra o a che distanza è il sole o quanto sono grandi… Amo quel momento. Punto. Non c’è da capire, c’è da amare.

 

Tu sei tutto ciò che prima non sono mai riuscito a dire, mai riuscito a vedere, fare, capire. Finalmente sei qui… ho aspettato tanto.

 

Nell’amare ci può anche essere una fase di innamoramento, ma non sempre nell’innamoramento c’è vero amore.

 

Solitamente, in una vera storia d’amore, la persona con cui stai è lo specchio migliore per vedere i tuoi difetti e i tuoi limiti.

 

Forse la libertà poi non è nemmeno poter fare ciò che si vuole senza limiti ma piuttosto saperseli dare. Non essere schiavi delle passioni, dei desideri. Essere padroni di sé stessi.

 

Quante cose si imparano dalle relazioni sbagliate. Almeno tante quante da quelle giuste. Forse il problema non era capire o far capire, ma era amare.

 

Le donne sono belle da respirare.

 

Pare che i notai guadagnino molto perché hanno dovuto studiare parecchio. Sembra che quel parecchio sia a spese nostre. Forse pensano che, quando loro stavano studiando, noi eravamo in giro a non fare un cazzo.

 

Rinunciare a se stessi, non amarsi è come sbagliare a chiudere il primo bottone della camicia. Tutti gli altri poi sono sbagliati di conseguenza. Amarsi è l’unica certezza per riuscire ad amare davvero gli altri.

 

Ci sono cose che non puoi spiegare. Sono cose che puoi capire solo vivendole.

 

Nell’arco della vita puoi incontrare un sacco di persone e di qualcuna diventare veramente amico. Ma chi ha passato con te il periodo dell’adolescenza conserva un posto speciale. Forse più ancora dei compagni dell’infanzia.

 

 

FRASI UN POSTO NEL MONDO

 

Lo so: sono sdolcinato, stucchevole e patetico, ma non posso farci niente. Credo sia la conseguenza naturale di quando si incontra finalmente il piede che calza alla perfezione la scarpetta che tengo in mano da anni.

 

La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d’amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perché dovrei amarti io? E poi amando se stessi si dà molta importanza alla persona con cui si decide di vivere un’intimità. Vuol dire avere una grande considerazione di quella persona. Chi non si ama può darsi a chiunque. L’amore per sé è il ponte necessario per arrivare all’altro.

 

Amare una persona significa anche gioire della sua felicità altrove…

 

Di innamorarsi sono capaci tutti, e a tutti può accadere. Amare una persona è un’altra cosa. Quello l’ho dovuto imparare…

 

La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d’amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perché dovrei amarti io?

 

Pensare a se stessi non è egoismo. Egoismo semmai è occuparsi solo di se stessi.

 

C’è qualcosa di più bello al mondo che una donna non lo contenga già in uno sguardo?

 

Amo le labbra: le amo perché sono costrette a non toccarsi se vogliono dire “Ti odio” e obbligate a unirsi se vogliono dire “Ti amo”

 

La bellezza non è altro che la promessa che ognuno di noi ha di diventare se stesso.

 

Amare una persona significa anche gioire della sua felicità altrove…

 

Ognuno di noi è fatto da tanti se stesso e non solamente da uno. Diciamo che siamo come un’assemblea condominiale composta da tante persone diverse.

 

Ogni cammino è personale e si deve fare soli: in due è una scampagnata.

 

Fai vedere al tuo sogno che veramente ci tieni a incontrarlo, senza pretendere che lui faccia tutta la strada da solo per arrivare fino a te, poi le cose accadono. I sogni hanno bisogno di sapere che siamo coraggiosi.

 

Il contrario dell’amore non è l’odio. L’odio è assenza d’amore, così come il buio è assenza di luce. L’opposto dell’amore è la paura.

 

Spesso l’odio è solamente l’ombra di qualcos’altro. L’odio appartiene ad attimi di impotenza.

 

L’età delle donne la si può solamente percepire osservandole nei loro molteplici cambiamenti. Non sono mai la stessa cosa. Le donne non sono la somma di anni ma di attimi.

 

Chi non si ama può darsi a chiunque. L’amore per sé è il ponte necessario per arrivare all’altro.

 

Ho imparato che il contrario dell’amore non è l’odio. L’odio è l’assenza d’amore, così come il buio è assenza di luce. L’opposto dell’amore è la paura. Per la prima volta nella vita non avevo paura o, meglio, avevo imparato a fare in modo che la paura non mi dominasse.

 

Voglio lasciarmi andare, voglia di più per me, voglio buttarmi per cadere verso l’alto.

 

Come una casa vecchia mi sono demolito e ricostruito. Non potevo più andare avanti a fare piccoli lavori di restauro. Ho dovuto demolire tutto e ricostruire dalle fondamenta. Qualcosa l’ho anche tenuta, non era tutto da buttare. Una cosa importante che ho imparato è stata quella di perdonarmi, ma soprattutto ho capito di voler essere felice.

 

Ci amiamo ma ognuno di noi appartiene a se stesso, per questo ci desideriamo. Come si può altrimenti desiderare una cosa che si ha? Le persone non si possono possedere, si può solo averne l’illusione.

 

Gli infelici valutano costantemente gli altri, criticano continuamente il loro comportamento e spesso su di loro sfogano il proprio personale malessere o fallimento.

 

Forse è vero che quando una persona se ne va continua a vivere dentro di noi: bisogna ospitarla nella propria intimità costringendosi quasi a donarle la vita più felice che si può.

 

Le cose non si vedono per ciò che sono ma per ciò che sei!

 

Lo so: sono sdolcinato, stucchevole e patetico, ma non posso farci niente. Credo sia la conseguenza naturale di quando si incontra finalmente il piede che calza alla perfezione la scarpetta che tengo in mano da anni.

 

In qualsiasi momento della vita si può prendere in mano le redini e cambiare il proprio destino.

 

Io e Francesca in quel periodo eravamo simili in tante cose e sicuramente ci accomunava quella caratteristica che appartiene alle persone mediocri: avere una serie di frasi o concetti che, siccome ci piacevano, tiravamo fuori spesso per sembrare acuti.

 

La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d’amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perché dovrei amarti io? E poi amando se stessi si dà molta importanza alla persona con cui si decide di vivere un’intimità. Vuol dire avere una grande considerazione di quella persona. Chi non si ama può darsi a chiunque. L’amore per sé è il ponte necessario per arrivare all’altro.

 

 

FRASI IL GIORNO IN PIÙ

 

Michela era ovunque, nelle briciole di pane schiacciate a tavola dopo cena, dentro il secondo silenzioso, dopo una risata, nel giro lento della ruota della bicicletta quando la portavo in spalle su per le scale, Michela era un pensiero erotico mentre bevevo il caffè.

 

Amo le donne, le ho sempre amate. Come si fa a non amarle? Perché le donne sono belle. Belli i loro contorni, le loro mani, la pelle, i fili contorti dei loro pensieri. Belli i profumi colorati dei loro desideri. Come le loro paure, i loro piccoli turbamenti. Amo la bellezza dei loro gesti. Amo come si asciugano le lacrime con la mano e il sorriso improvviso che fanno dopo aver pianto come bambine. Squarci di luce inattesi. Amo le donne. Senza di loro me ne sarei già andato. Senza di loro non sarei mai più tornato.

 

Forse le cose spaventano quando non si capiscono, perché se non capisci non controlli.

 

Morire è una vera stronzata. Darei la vita per non morire.

 

La vecchiaia è un posto dove vivi di ricordi. Per questo, quando sei giovane, vivi creandotene di belli.

 

Spesso si vive come se fosse per sempre e ci si dimentica degli attimi.

 

Le persone che non si conoscono bene diventano nella nostra testa più interessanti, ciò che noi vogliamo che siano. Come le persone che si incontrano al semaforo: dopo averti sorriso, scatta il verde e partono. Si ha la sensazione che siano quelle che stavamo cercando da anni.

 

Spesso ciò che è meglio non è quello che fa stare bene.

 

Potresti essere la mia perdita di equilibrio. L’equazione del mio caos.

 

Vietato dire “per sempre”. Il per sempre è un’illusione. Troppo comodo, noi siamo per l’adesso.

 

Secondo me può anche succedere che una persona ti ami e tu non te ne accorga. Ma quando una che ti ha amato smette di farlo è impossibile non accorgersene.

 

Ho capito in quell’istante di essere veramente innamorato, ma nel senso delle parole inglesi: “in love”… Forse non eravamo nemmeno due persone innamorate l’una dell’altra ma innamorate di ciò che ci univa… Come due musicisti jazz: ciò che li unisce non è l’amore dell’uno per l’altro, ma l’amore che entrambi hanno per la musica… Ciò che creano.

 

 

FRASI IL TEMPO CHE VORREI

 

“Il libro che ho scritto per mio padre. Per le nostre difficoltà superate. La cosa più importante per essere felici.”(da instagram)

 

Nessuno può entrare nella solitudine di un altro.

 

Il coraggio di rischiare è il metro per misurare le persone.

 

Più bello dell’eterno sono gli attimi di eternità.

 

A volte succede che amiamo una persona più per il bene che le abbiamo fatto che per quello che ha fatto a noi.

 

A volte anche quando non ci si ama più e ci si rende la vita impossibile a vicenda si continua a essere gelosi. E non ci si lascia solo per impedire ad altri di avvicinarsi.

 

Leggere mette in moto tutto dentro di te: fantasia, emozioni, sentimenti. È un’apertura dei sensi verso il mondo, è un vedere e riconoscere cose che ti appartengono e che rischiano di non essere viste.

 

Solitamente le persone che fingiamo di amare imparano ad accontentarsi, forse perché, anche se l’amore che si riceve non è vero, è però vera l’offerta, l’intenzione.

 

La scuola quasi sempre non premia le persone intelligenti, piuttosto quelle con buona memoria. Avere buona memoria non significa essere intelligenti.

 

Stare con tante donne alla fine è solo un buon metodo per stare soli.

 

Ci sono donne alle quali è meglio non chiedere nulla perché ti direbbero comunque di no. Perché dicono di sì solo a chi non chiede.

 

L’amore è come la morte: non si sa quando ci colpirà.

 

Il talento è un dono, ma il successo è un lavoro.

 

Come vampiri, i creativi succhiano il sangue da qualsiasi forma di vita. Sentono per caso una parola, una frase o un concetto e, come una lampadina che si accende, si accorgono che era proprio quello che stavano cercando. E non pensano che stanno rubando, pensano che sia semplicemente lì per loro.

 

La vita non è in garanzia. Non è una lavatrice che se si rompe qualcuno te la ripara.

 

Non stare più con la persona con cui vorresti stare significa semplicemente tornare indietro. Guardare indietro molto più che avanti. È un viaggio che fai appoggiato alla ringhiera di poppa, non di prua.

 

I personaggi, le frasi e le parole trovate nei libri sono come ponti che ti permettono di spostarti da dove sei verso dove vuoi andare, e quasi sempre è un ponte che unisce il tuo vecchio io a quello nuovo che ti attende.

 

È curioso come nelle grandi città vieni giudicato per ciò che fai, in provincia per ciò che sogni di essere.

 

Nulla è più duraturo di una cosa provvisoria.

 

Non sforzarti di essere ciò che non sei, ma lotta per rimanere ciò che sei.

 

Vivere è l’arte di diventare quello che si è già.

 

Ci sono sorie che durano anni e in questi anni magari ci s’innamora e disamora, Alcuni smettono di amarsi, ma rimangono qomunque insieme. Altri decidono di lasciarsi, ma per farlo hanno bisogno di tempo. Prima cercano di capire se sono veramente sicuri, o è solo una crisi passeggera. Se poi alla fine si convincono che è veramente finita, devono comunque trovare il modo di farlo, trovare le giuste parole per lenire il dolore. Ci sono persone che su tutto questo punto possono anche perdere mesi, a volte addirittura anni. C’è anche chi ha perso una vita e quel passo non l’ha mai fatto. Molti non riescono a lasciare, semplicemente perché non sanno dove andare, oppure perché non riescono a sopportare l’idea di essere i responsabili del dolore dell’altro.

 

 

FRASI LE PRIME LUCI DEL MATTINO

 

Ci sono momenti in cui la vita regala attimi di bellezza inattesa. Smetti di fare una cosa e ti accorgi che attorno a te tutto è perfetto, il dono di un Dio meno distratto dal solito. Tutto sembra sincero. La nascita di una nuova vita, l’alba di un cambiamento, qualcosa di profondo o semplicemente la conferma di un affetto tenuto nascosto, di un sentimento segreto, custodito in silenzio dentro di noi con pudore o anche la fine di qualcosa, la fine di un momento, di un periodo difficile sempre più faticoso da sostenere… quando terminano i respiri corti, lasciando spazio a uno lungo profondo che riempie e svuota il petto… in quei momenti non mi manca nulla…

 

Quando stai con qualcuno, non puoi chiedergli garanzie, perché non puoi chiederle neanche a te stesso. L’amore è un rischio che una persona si assume. Per questo il vero amore è per i coraggiosi.

 

Nessuno ti cambia facendoti diventare una cosa che non sei, ti cambia portando alla luce una parte di te che non conoscevi ma che ti appartiene. Si cambia diventando una persona che si è già.

 

Incredibile come cambia tutto quando incontri la persona che ami, incredibile quanto velocemente quella persona ti possa bastare.

 

Ci sono momenti in cui la vita regala attimi di bellezza inattesa. Smetti di fare una cosa e ti accorgi che attorno a te tutto è perfetto, il dono di un Dio meno distratto del solito.

 

Per quanto un sogno sia bello prima o poi ci si sveglia.

 

Costruire un rapporto: quante volte ho sentito questa frase. Ma i rapporti non si costruiscono, si vivono e nel viverli si rafforzano.

 

Ogni donna dovrebbe incontrare un uomo che la prenda per mano e la guidi verso la propria intimità. Un uomo in grado con un solo abbraccio di riconsegnarti una vita intera.

 

Concediti un errore: lo spazio di un errore è uno spazio di crescita.

 

Se ci si ama si impara ad amare.

 

Ci sono giorni però in cui tutto mi stanca, anche le cose non fatte.

 

 

FRASI È TUTTA VITA

 

Senza volontà, senza desiderio di stare insieme, i figli possono essere un’ottima scusa per andarsene.

 

Mi mancavano i due che eravamo stati, che non siamo più stati capaci di essere. Così leggeri e semplicemente felici.

 

Se vuoi far sparire una cosa dalla vista non serve nasconderla, basta averla costantemente sotto gli occhi: un soprammobile, un tatuaggio, una moglie.

 

Il segreto di una relazione non è continuare ad amarsi, ma far andare d’accordo le due persone che si diventa stando insieme.

 

Non so se esiste un disegno divino, se le persone che s’incontrano sono destinate a farlo o se la vita è solo una serie di coincidenze, di incognite che casualmente si impongono. Non ho mai avuto un’idea chiara a riguardo, posso solamente dire che alcuni eventi della nostra vita si muovono in maniera così sincronizzata da far pensare a qualcosa che li guidi.

 

Lei come tutte le donne si fa prendere dall’idea romantica che basta voler stare insieme per riuscirci ed essere felici e contenti.

 

Promettere è l’errore più facile da commettere quando si è felici.

 

Nel cuore avevo la spina di una passione, sono riuscito a togliermela e adesso non sento più il mio cuore.

 

La morte si era portata via la madre ma anche l’angoscia della malattia, quel senso di chiusura e di soffocamento che coglie tutti. Finalmente si poteva gridare il proprio dolore e tornare a organizzare la vita. Nessuno è più come prima. Si è segnati per sempre.

 

Il vero segreto per divertirsi alle feste è capire quando è il momento giusto di andarsene.

 

Sparire significa che l’altro non può trovarti.

 

Ho quasi quarantacinque anni ed è la prima volta che cerco di capire cosa mi rende veramente felice, cosa voglio fare, chi voglio essere.

 

Se tieni scopata la moglie o la fidanzata queste cose non succedono, che a loro del bicchiere nel lavandino non frega niente, s’incazzano perché non le scopi da un po’.

 

Voglio qualcuno vicino a cui poter dire che sono felice.

 

Capitava che Andrea potesse fissare una finestra, una sedia, un gatto e iniziare a farsi infinite domande.

 

Una persona è il suo modo di buttarsi indietro quando scoppia in una risata, è il suo modo di piegarsi in avanti quando piange, quando quel dolore fa male alla pancia.

 

Cucinare per qualcuno è un modo di dirgli che gli si vuole bene.

 

Sono andato a letto cinque minuti più tardi degli altri, per avere cinque minuti in più da raccontare.

 

Era stanco e in fondo anche triste. Aveva la sensazione di fare molto, di mettercela tutta, di spingere più che poteva ma anche tutto questo sforzo non serviva a nulla. Si ritrovava sempre allo stesso punto, come su una macchina con la marcia in folle, accelerava ma non andava da nessuna parte.

 

Nessuno è genitore solo perché ha dei figli, genitori si diventa imparando giorno dopo giorno, avendoli e crescendoli.

 

Quando una donna vuole una cosa tremano le montagne, si muovono le maree, quando una donna vuole un uomo trema l’universo intero.

 

Se potessi tornare indietro, rifarei tutto sapendo già come è andata a finire.

 

Organizzi la tua mente in compartimenti stagni e se qualcuno vuole entrare in un’altra scatola tu lo elimini. Dobbiamo stare tutti entro i limiti che tu definisci e ci concedi.

 

Si incontravano sempre in qualche parte del mondo, una strana forma di attrazione universale.

 

Nessuno sa cosa vogliono le donne, spesso non lo sanno nemmeno loro.

 

Carisma significa “grazia”, “dono divino”. Capisci? È un dono, non c’è nulla che uno possa fare per averlo, o ce l’hai o non ce l’hai.

 

Un genitore è qualcosa che resta sempre sopra di noi come una coperta sulle spalle.

 

Servono coraggio e forza per accogliere quello che ci fa stare bene quando abbiamo costruito un’intera vita sullo stare male.

 

Una persona è quello che è, quello che resta e quello che se ne va. E tante altre cose che popolano il mondo per un po’, lo tengono in piedi e un giorno in un click non ci sono più. E se è stato bravo ha infilato un pezzettino di sé, una piccola scheggia, in quelli che restano.

 

Se non la ami e con lei hai solo delle affinità piacevoli, anche delle stupide incomprensioni diventano delle seccature, ma se invece la ami le incomprensioni rimangono tali e si superano, perché l’amore non inciampa in piccole cose.

 

Molte persone non sanno ciò che vogliono. Tu sei diverso, nel profondo lo sai, sei solo terrorizzato dall’idea di perdere tutto.

 

Ogni genitore prima di tutto è un modello per i propri figli, col comportamento ancor prima che con le parole. Perché loro seguono il tuo esempio, non i tuoi consigli.

 

Poteva stare con una donna, infilare la sua bocca e la sua lingua in ogni angolo, ogni insenatura e cavità del suo corpo, ma lo spazzolino da denti non riusciva a condividerlo.

 

Sempre usando l’immaginazione, scese in cortile a giocare con i ragazzi del quartiere, a pallone, a nascondino, a strega comanda color, a correre con le BMX. Quanto sarebbe bello rivivere una giornata così, una giornata da bambino.

 

Vivere significa scegliere.

 

Cosa resta di tutte le nostre battaglie e discussioni? Resta ciò che siamo diventati. Sono figlio della mia ribellione e dei suoi divieti.

 

Starsene in silenzio, senza suoni se non quelli interiori: dei pensieri, del battito del cuore, del respiro, nel tentativo di ascoltare e origliare se stesso, andando nelle zone più profonde di sé alla ricerca di risposte ultime, come uno speleologo dell’anima, e per sperimentare, se mai ci fosse, un modo di poter nascere due volte.

 

Voglio vivere, sono stufa di pianificare nella mia testa cose che non succedono, programmare una vita che non vivrò mai perché quel futuro che sogno non esiste. Sono stanca di sentirmi sola, invisibile, inesistente.

 

Anche se stavano insieme da anni, non riuscivano a capire i silenzi dell’altro, e quella è la vera chiave dell’intimità.

 

Avevano trovato l’uno nella vita dell’altra lo spazio per accogliersi, per questo erano stati da subito un incastro perfetto, senza aggiustamenti.

 

Il tuo cinismo sull’amore è tipico di chi in realtà ha un disperato bisogno di crederci.

 

Le notti in cui era triste o agitato le si avvicinava e l’annusava. Si riempiva le narici e la testa del suo odore e come per incanto, una magia, si calmava.

 

Il mio amico Gianluca sostiene che quando le donne iniziano a lamentarsi delle piccole cose, i bicchieri, lo spazzolino, il caricabatteria, significa che hanno bisogno di essere scopate. Scopate bene.

 

L’ironia è il veicolo che usi per trasportare carichi emotivi troppo pesanti.

 

Le volte in cui si era svegliato mentre fuori era ancora buio, per tutto il giorno aveva avuto la sensazione che la giornata fosse sua, come se fosse stato lui a suscitare la luce dell’alba.

 

Credo che a volte desideriamo così tanto che funzioni con una persona che, quando lei parla, invece di ascoltare quello che racconta di sé ci lasciamo distrarre da quello che vogliamo che sia, e alla fine ci confondiamo.

 

 

FRASI LA STRADA VERSO CASA

 

Negli anni Ottanta si rideva. Si rideva molto di più. Si rideva al lavoro, a scuola, con gli amici e soprattutto si rideva in TV. Quegli anni erano un’epoca favolosa. L’Italia vinceva i Campionati del mondo in Spagna, la musica la facevano i DJ e il suo ritmo dance pulsava dalle radio e dalle discoteche. Perfino il papa sciava in quegli anni. Ci si sentiva liberi, sarebbe caduto il muro di Berlino.

 

Se la vita fosse un gioco, in alcuni momenti sarebbe giusto sospenderlo, come quando durante una partita di calcio uno si fa male e l’arbitro fischia e ferma la partita. Bisognerebbe fermarsi per capire la gravità dell’incidente, capire se il giocatore è in grado di continuare. Invece la vita va avanti, il tempo non si ferma mai, senza tregua, e quando ti fai male devi continuare a giocare comunque, anche se zoppichi la partita continua. È questa la fregatura.

 

Quando erano una coppia lei aveva dovuto imparare a non dire quanto lo amava, aveva dovuto imparare la distanza che doveva tenere con lui, una distanza che variava a seconda del suo umore e del momento della vita. Se gli stava troppo lontana, lui la cercava e le chiedeva di non sparire. Se gli stava troppo vicina, lui la allontanava dicendo che aveva bisogno dei suoi spazi. Una fatica infinita, giustificata solo dal fatto che era innamorata di lui.

 

Le notti in cui rimani sveglio a fare l’amore, chiacchierare e ridere fino all’alba, in cui ci si confessano cose intime, cose di cui ci si è sempre vergognati. Sono le notti in cui ti senti così vicino che nessuna distanza ti separa dalla persona al tuo fianco. Si è complici in tutto. Le notti in cui la bellezza dilata il tempo, in cui il presente è così perfetto e lo si indossa così bene che si cominciano a fare promesse, giuramenti, patti, perché quella bellezza fa sentire dentro di sé una spinta verso il futuro. Quelle notti in cui è giorno all’improvviso e si rimane stupiti. E senti che hai fame, fame di tutto: pane, burro, marmellata, soprattutto fame di Vita. In quelle notti è tutto così bello e si è così felici che, quando ci si gira su un fianco per addormentarsi, in qualche angolo profondo di sé si avverte una punta di dolore. Un dolore primordiale, ignoto, che appartiene a tutti.

 

Una persona è come cammina, come si muove, come salta le pozzanghere. È come parla, è quello che dice e che non dice. È come ascolta, è quello che pensa. Una persona è il suo sorriso, è come ride, è come si arrabbia. Come ama, come bacia, come abbraccia. Come suda. Una persona è il suo odore, è il suo profumo, è come guida la macchina, come va in bicicletta, è la faccia che fa quando passeggia con un mazzo di fiori. Come si guarda allo specchio quando è sola in ascensore.

 

 

Lista Libri di Fabio Volo con breve introduzione (aggiornata al 2019)

 

ESCO A FARE DUE PASSI
2001. “Sto diventando grande. Ci sono miei coetanei che hanno già una buona carriera, una famiglia, qualche soldo in banca. Sono tornato a casa e mentre salivo le scale ho immaginato di avere una donna incinta che mi aspettava. Sono entrato e quando ho visto il lavandino pieno di bicchieri e piatti sporchi ho tirato un sospiro di sollievo!”. Cosa succede quando un ragazzo di 28 anni vittima della sindrome di Peter Pan si mette di fronte ai temi importanti della vita? Raccontando la storia di Nico, spensierato dj radiofonico, Fabio Volo ci accompagna in un esilarante viaggio attraverso l’universo giovanile, senza pudori o inibizioni. Seguendo il proprio corpo come unica bussola, parla di sesso, canne, musica e amicizia. Riuscendo a mettere a nudo quella parte di noi che teniamo nascosta, con la polvere, sotto il tappeto.
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 182 • Scopri su Amazon

 

È UNA VITA CHE TI ASPETTO
2003. Questo libro parla di Francesco che non era felice e invece poi si. Finito. Un ragazzo di oggi, un trentenne qualunque, con un lavoro stressante, storie di sesso con ragazze diverse, la paura di restare fuori dal branco, la difficoltà di comunicazione con i genitori. Il rimpianto e il ricordo dell’infanzia, il rito delle canne e il mito dell’amicizia, quella vera. Un ragazzo che un giorno si accorge di esistere senza vivere davvero, e decide che così non va. Con una buona dose di coraggio a tanta autoironia affronta la depressione, l’ipocondria, il torpore esistenziale. Come? Chiedetelo a Francesco. E a Ilaria. Perché non vorremmo anticiparvelo, ma in questa storia c’è anche un lieto fine…
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 182 • Scopri su Amazon

 

UN POSTO NEL MONDO
2006. Michele ha un amico, Federico. Uno di quegli amici con i quali si divide tutto, l’appartamento, la pizza e la birra, ma anche i sogni e le frustrazioni, le gioie e i dolori, e qualche volta le donne. Un giorno Federico decide di mollare tutto e partire. Stanco della vita monotona di provincia, se ne va alla ricerca dell’altra metà di sé. Michele invece resta. Quando torna, dopo cinque anni, Federico è cambiato. Ora è sereno, innamorato di una donna e della vita. Sembra una storia a lieto fine, ma non è così. Federico all’improvviso riparte, stavolta per un viaggio molto più lungo…
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 252 • Scopri su Amazon

 

IL GIORNO IN PIÙ
2007. Sveglia, caffè, tram, ufficio, palestra, pizza-cine-sesso… giornate sempre uguali, scandite da appuntamenti che, alla fine, si assomigliano tutti, persi nel cielo grigio di una metropoli. È la vita di Giacomo, uno che non si è mai fatto troppe domande, che è andato incontro agli avvenimenti rimanendo sempre in superficie. Un giorno, però, Giacomo incontra sul tram una sconosciuta, e se la ritrova davanti il giorno dopo, e quello dopo ancora. Per mesi. E così, quelle tre fermate lungo il tragitto per andare in ufficio diventano un appuntamento importante della giornata. O meglio, diventano “l’appuntamento”.
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 288 • Scopri su Amazon

 

IL TEMPO CHE VORREI
2009. Lorenzo non sa amare, o semplicemente non sa dimostrarlo. Per questo motivo si trova di fronte a due amori difficili da riconquistare, da ricostruire: con un padre che forse non c’è mai stato e con una lei che se n’è andata. Forse diventare grandi significa imparare ad amare e a perdonare, fare un lungo viaggio alla ricerca del tempo che abbiamo perso e che non abbiamo più. È il percorso che compie Lorenzo, un viaggio alla ricerca di se stesso e dei suoi sentimenti, quelli più autentici, quelli più profondi.
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 300 • Scopri su Amazon

 

LE PRIME LUCI DEL MATTINO
2011. Elena non è soddisfatta della sua vita. Il suo matrimonio si trascina stancamente, senza passione né curiosità. Suo marito è diventato ormai come un fratello. Ha sempre deciso in anticipo come doveva essere la sua vita: la scuola da fare, l’università, l’uomo da sposare… perfino il colore del divano. È diventata moglie prima di diventare donna. Finché un giorno sente che qualcosa inizia a scricchiolare. La passione e il desiderio si affacciano nella sua quotidianità, costringendola a mettersi in discussione. Elena si rende conto che un altro modo di vivere è possibile. Forse lei si merita di più, forse anche lei si merita la felicità.
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 252 • Scopri su Amazon

 

LA STRADA VERSO CASA
2013. Marco non ha mai scelto, perché ha paura che una scelta escluda tutte le altre. Non ha mai dato retta a nessuno, solo a se stesso. Sembra dire a tutti: amatemi pure, ma tenetevi lontani. Andrea, suo fratello maggiore, ha deciso da subito come doveva essere la sua vita, ha sempre fatto le cose come andavano fatte. È sposato con Daniela, una donna sobria, elegante, solenne e pallida. Insieme avrebbero potuto essere perfetti. Marco invece ha molte donne, e Isabella, la prima fidanzata. La strada verso casa racconta la storia di due fratelli che gli eventi costringono ad avvicinarsi, a capirsi di nuovo.
Edito da Edizioni Mondadori • Pagine: 324 • Scopri su Amazon

 

È TUTTA VITA
2015. Stavano così bene insieme, cosa è successo alla loro vita? Cosa è successo ai due chiusi in una camera d’albergo con il cartello “non disturbare” sulla porta? Dove sono finite la passione, la complicità? Il nuovo libro di Fabio Volo è un’immersione nella vita quotidiana di una coppia, nell’evoluzione di un amore. Racconta la crisi che si scatena alla nascita di un figlio e, ancora di più, racconta di quando qualcosa rompe l’incantesimo tra due innamorati. E suggerisce, lascia intravedere una risposta, una via d’uscita. È come se i protagonisti dei suoi romanzi più amati, Il giorno in più o Il tempo che vorrei, si ritrovassero ad affrontare quello che viene dopo l’innamoramento, la responsabilità e la complessità dello stare insieme per davvero.
Edito da Mondadori • Pagine: 240 • Scopri su Amazon

 

QUANDO TUTTO INIZIA
2017. Silvia e Gabriele si incontrano in primavera, quando i vestiti sono leggeri e la vita sboccia per strada, entusiasta per aver superato un altro inverno. La prima volta che lui la vede è una vertigine. Lei non è una bellezza assoluta, immediata, abbagliante, è il suo tipo di bellezza. Gli bastano poche parole per perdere la testa: scoprire che nel mondo esiste qualcuno con cui ti capisci al volo, senza sforzo, è un piccolo miracolo, ti senti meno solo. Fuori c’è il mondo, con i suoi rumori e le sue difficoltà, ma quando stanno insieme nel suo appartamento c’è solo l’incanto: fare l’amore, parlare, essere sinceri, restare in silenzio per mettere in ordine la felicità. Fino a quando la bolla si incrina, e iniziano ad affacciarsi le domande.
Edito da Mondadori • Pagine: 180 • Scopri su Amazon

 

“Svegliarsi una mattina e non sapere più se ami ancora la donna che hai vicino, la donna con cui hai costruito una famiglia, una vita. Non sai come sia potuto accadere. Non è stato un evento, una situazione, un tradimento ad allontanarvi. È successo senza esplosione, in silenzio, lentamente, con piccoli, impercettibili passi. Un giorno, guardando l’uno verso l’altra, vi siete trovati ai lati opposti della stanza. Ed è stato difficile perfino crederci.” quello di Marco e Anna sembrava un amore in grado di mantenere le promesse. Adesso Marco non riesce a ricordare qual è stata la prima sera in cui non hanno acceso la musica, in cui non hanno aperto il vino. La prima in cui per stanchezza non l’ha accarezzata. Quando la complicità si è trasformata in competizione. Forse l’amore, come le fiamme, ha bisogno di ossigeno e sotto una campana si spegne. Forse, semplicemente, è tutto molto complicato. Il nuovo libro di Fabio volo è il racconto di una crisi di coppia e del viaggio, fisico e interiore, per affrontarla.
Edito da Mondadori nel 2019 • Pagine: 216 • Scopri su Amazon

 

Fabio Volo ha pubblicato anche una serie di racconti editi dal Corriere della Sera, non molto facili da trovare, quindi per chi volesse inviarci le frasi più belle sarebbe un regalo bellissimo per la community di frasiamo.

 

2007. Dall’altra parte del binario
2008. La mela rossa
2011. La mia vita

 

A COSA SERVONO I DESIDERI
2016. “Forse i desideri non sono una cosa da realizzare, una meta da raggiungere, ma il carburante per metterci in moto.” Prendendo spunto da un suo vecchio taccuino ritrovato, Fabio Volo ha raccolto le citazioni, le domande e i pensieri che lo hanno aiutato. Un libro molto discusso, anche per via del contenuto testuale molto ridotto e spalmato un po’ a forza su 154 pagine.
Edito da Mondadori • Pagine: 154 • Scopri su Amazon

5 1 Votazione
Article Rating
Articolo precedenteFrasi Fabio Volo dal libro “Quando tutto inizia” le più significative
Articolo successivoFabio Volo Una gran voglia di vivere le frasi più belle del libro
All’anagrafe Fabio Bonetti, nasce a Calcinate nel 1972. Scrittore, attore, doppiatore, sceneggiatore e conduttore radiofonico e televisivo, inizia la sua inarrestabile carriera nel 1996 su Radio Capital, con Pss pss, passando poi a Radio 2 con Soci da spiaggia, per approdare su Radio Deejay come conduttore del celebre Il Volo del mattino. Il suo esordio in televisione è del 1998, a Le Iene, successivamente lo vedremo in: Candid Camera, Ca’ Volo, Il volo, Il coyote, Smetto quando voglio, Lo spaccanoci, Italo…, Volo in diretta, Che tempo che fa, Untraditional e Untaditional 2 (2018 ). Nel 2003 vive l’esperienza teatrale con Il mare è tornato tranquillo, di Silvano Agosti. Tra il 2002 e il 2016 recita in numerosi film: Casomai, Playgirl, La febbre, uno su due, Manuale d’amore 2, Bianco e nero, Matrimoni e altri disastri, figli delle stelle, Niente paura, Il giorno in più Studio illegale, Un paese quasi perfetto. Ben due le sue esperienze come sceneggiatore: nel 2007, con Uno su due, nel 2011, con Il giorno in più. Tra il 2001 e il 2015 è autore di numerosi romanzi che hanno scalato le classifiche italiane di vendita e sono stati anche tradotti: Esco a fare due passi, È una vita che ti aspetto, Un posto nel mondo, Il giorno in più, Il tempo che vorrei, Le prime luci del mattino, La strada verso casa, È tutta vita.
Iscriviti
Avvertimi
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments