Come un fiore maltrattato dalla pioggia

Come un fiore maltrattato dalla pioggia,
troppa acqua affoga,
troppo amore toglie il respiro.
Ci sono anime che rispondono al dolore
e alla sofferenza con la luce,
assorbendola con terreno fertile.
Crepe di aridità si allargano
per far respirare le radici.
Se trascuri te stesso ti smarrirai.
Forse tornerai.
Ma se hai ancora sensi di colpa imboccherai solo un senso unico.
Il rischio è di schiantarsi.
Il senso di colpa guida una macchina con altri passeggeri:
l’infelicità, la paura di non essere all’altezza, l’insicurezza.
Una maledizione che ti auto-infliggi:
sei nemico di te stesso.
Insoddisfatto ti torturi
e non servirà fuggire nei paradisi terrestri;
l’insoddisfazione è la tua ombra.

Nadia Toffa dal libro : Non fate i bravi: La testimonianza che ci ha lasciato

Se ti ha emozionato, guarda LE FRASI PIÙ BELLE DEL LIBRO “NON FATE I BRAVI”: LA TESTIMONIANZA E CITAZIONI DI NADIA TOFFA

0 0 Votazione
Article Rating
Articolo precedenteLa vita è una! Faccio solo ciò che mi diverte
Articolo successivoLe 35 frasi più belle del libro “Non fate i bravi”: La testimonianza e citazioni di Nadia Toffa
Nadia Toffa è nata il 10 giugno del 1979 a Brescia. Dopo aver frequentato il liceo classico “Arnaldo” della sua città, si iscrive all’Università di Firenze dove intraprende un percorso storico-artistico e si laurea in Lettere. Fece la sua prima apparizione televisiva a soli 23 anni. Per la prima volta compare sulle frequenze di Telesanterno. E da li inizia la sua carriera televisiva. Successivamente lavora per quattro anni per Retebrescia, fino a quando decide di provare a entrare a far parte del cast di inviati de “Le Iene“, programma di successo di Italia Uno. Nel 2009 riesce a diventare finalmente una “Iena“. Inizia così ad essere la portavoce e la protagonista di molte inchieste clamorose che fanno scalpore in tutta Italia, toccando anche temi molto scottanti come quello della terra dei veleni. Proprio uno dei suoi servizi più vincenti le farà vincere un riconoscimento molto importante, il premio Luchetta, consegnatole per un reportage sulla prostituzione minorile nella periferia di Bari. Il 2 aprile del 2014 esce il suo primo libro intitolato “Quando il gioco si fa duro“, dedicato al fenomeno dell’azzardopatia. Nell'aprile dell’anno successivo si vede assegnato il primo premio per la sezione tv del Premio Internazionale Ischia di Giornalismo. Il 9 Ottobre 2018 esce il suo secondo celebre libro: “Fiorire d’inverno“. Questo libro è dedicato alla sua lotta contro la malattia che l’ha all'improvviso colpita sul finire del 2017. Dopo molte battaglie per cercare di sconfiggere la sua malattia di natura neurologica Nadia Toffa è venuta a mancare il 13 Agosto 2019.
Iscriviti
Avvertimi
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments