martedì, Maggio 11, 2021
HomeTemiFrasi sulle bambole

Frasi sulle bambole

Incipit di “La bambina che amava Tom Gordon”, di Stephen King Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento t…

Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina dei primi di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha...

Incipit di “Indagine non autorizzata”, di Carlo Lucarelli C’era odore di pane nell’aria, caldo e croccant…

C'era odore di pane nell'aria, caldo e croccante, così intenso che copriva il sapore salato della brezza fresca che soffiava dal mare. Lo stomaco di Piscitello gorgogliò così forte che uno dei due cani che teneva al guinzaglio voltò la testa sul collare, guardandolo con quegli occhi rotondi e lucidi,...

Citazione di Charles Bukowski Ed eccola là, sul divano davanti a me: la signo…

Ed eccola là, sul divano davanti a me: la signora Morte. Non era mai stata così bella. Che bambola. Non ti lasciava mai nei pasticci. Meglio dell'oro. Cit. Pulp

Incipit di “Postmortem”, di Patricia Cornwell Venerdì 6 giugno a Richmond pioveva. L’acquazzo…

Venerdì 6 giugno a Richmond pioveva. L'acquazzone incessante, cominciato all'alba, aveva infierito sui gigli riducendoli a nudi steli e sparso foglie sull'asfalto e sui marciapiedi. Rivoli d'acqua correvano per le strade; nei campi da gioco e nei prati si allargavano grandi pozze. Andai a dormire con il sottofondo della pioggia che...

Poesia di Sylvia Plath Prima di tutto ce li hai i requisiti? Ce l’hai …

Prima di tutto ce li hai i requisiti? Ce l'hai un occhio di vetro, denti finti o una gruccia, un tirante o un uncino, seni di gomma, inguine di gomma, rattoppi a qualcosa che manca? Ah no? E allora che mai possiamo darti? Smetti di piangere. Apri la mano. Vuota? Vuota. Ma ecco una mano che la riempie, disposta a porgere...

Incipit di “Dialogo nel quale la Nanna insegna alla Pippa”, di Pietro Aretino [Nanna.] Che collera, che stizza, che rabbia, c…

Che collera, che stizza, che rabbia, che smania, che batticuore e che sfinimento e che senepe è cotesta tua, fastidiosetta che tu sei? Egli mi monta la mosca, perché non mi volete far cortigiana come vi ha consigliata monna Antonia mia santola. Altro che terza bisogna per desinare. Voi sète una matrigna, uh,...

Poesia di Gianni Rodari S’io fossi il mago di Natale farei spuntare un …

S'io fossi il mago di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento, ma non l'alberello finto, di plastica, dipinto che vendono adesso all'Upim: un vero abete, un pino di montagna, con un po' di vento vero impigliato tra i rami, che mandi profumo di resina in tutte le camere, e sui rami...

Aforisma di Gene Gnocchi Una caratteristica della bambola di porcellana …

Una caratteristica della bambola di porcellana è che, se cade, va in frantumi e lascia il proprietario come smarrito.

Aforisma di Selen Vedo in televisione tante signorine rifatte e s…

Vedo in televisione tante signorine rifatte e scosciate, spesso oltre ogni buon gusto. Non c'è calore, non c'è erotismo. Ci sono soltanto aridità e freddezza. È la corsa a essere la più bella del reame, cercando di avere le tette più siliconate e più a palla che ci siano. Ma...